Esplora contenuti correlati

L’Estate di San Martino, inaugurata una Mostra per celebrare le 25 edizioni

22 Ottobre 2022

Il 26 si apre la rassegna. Giglioli e Arzilli: “Un’anteprima per omaggiare il teatro amatoriale”
Venticinque manifesti, uno per ogni edizione, tutti originali e diversi tra di loro, nati dalla fantasia del maestro Dilvo Lotti e dal pittore sanminiatese Luca Macchi. Da oggi al 20 novembre, all’interno della suggestiva cornice della via Angelica, sarà possibile ammirarli, per la prima volta tutti insieme, all’interno della mostra “L’Estate di San Martino – Venticinque anni di Teatro Amatoriale”, realizzata e curata dal Gruppo Teatrale Four Red Roses, con il supporto del Teatrino dei Fondi e di Luca Macchi, insieme al Comune di San Miniato e alla collaborazione con la Pro Loco di San Miniato, la Fondazione San Miniato Promozione, la Fondazione Istituto del Dramma Popolare e la Fondazione CRSM, con il patrocinio di Regione ToscanaProvincia di Pisa e Comune di Castelfranco di Sotto, Ente capofila della Rete Intesa Teatro Amatoriale.
A tagliare il nastro sono stati il sindaco Simone Giglioli, l’assessore alla cultura Loredano Arzilli, il presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori, insieme a Luca Macchi, a Pietro Cataldo e Lucia Pucci del Gruppo Teatrale Four Red Roses e all’assessora Chiara Bonciolini del Comune di Castelfranco di Sotto. Esposti i venticinque manifesti, un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, dove i visitatori possono trovare anche una sorpresa: sono infatti esposte, per la prima volta, le opere originali da cui sono stati tratti il manifesto della prima (1995) e dell’ultima edizione (2022), realizzate rispettivamente dal maestro Dilvo Lotti e dal pittore Luca Macchi.
 
“Questa mostra rappresenta un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, nelle 25 edizioni della rassegna di teatro amatoriale ‘L’Estate di San Martino’ che il Gruppo Teatrale Four e Red Roses ha ideato e realizzato con grande accuratezza e passione – dichiarano il sindaco Giglioli e l’assessore Arzilli -. E’ un omaggio che l’amministrazione comunale ha voluto fare a questa manifestazione, un vero punto di riferimento culturale per la nostra Città, una sorta di anteprima con cui vogliamo introdurre alla rassegna che si aprirà il 26 ottobre e che vedrà l’assegnazione del XXV Premio ‘Città di San Miniato’. Un ringraziamento agli Enti e alle associazioni che hanno collaborato, alla Pro Loco e a don Francesco Zucchelli che ci hanno messo a disposizione questo splendido spazio, al Teatrino dei Fondi che ha collaborato all’allestimento e a Luca Macchi che è stato un vero punto di riferimento. Un grazie speciale al Gruppo Teatrale Four Red Roses per quello che hanno fatto e per quello che faranno, perché grazie alla loro tenacia e al grande amore che nutrono per il teatro amatoriale, hanno portato a San Miniato un’eccellenza senza tempo”.
“Il traguardo delle 25 edizioni dell’Estate di San Martino è un risultato da festeggiare per la Provincia di Pisa che, nel corso degli anni, ha sempre sostenuto con convinzione questo importante evento culturale – dichiara il presidente della Provincia, Angori -. L’impegno degli organizzatori l’ha resa una rassegna consolidata, che, nel tempo, è riuscita a confermare un ottimo gradimento popolare. La Provincia è sempre stata accanto a questa positiva esperienza che ha contribuito alla formazione del pubblico, alla crescita dei gruppi amatoriali e alla condivisione di situazione di confronto con gli operatori del teatro professionale. Questa mostra racconta, attraverso  i manifesti delle varie edizioni, una storia di successo ed è capace di ricordarci le emozioni che ogni edizione ci ha lasciato”.
Il Comune di Castelfranco di Sotto ha da sempre creduto e supportato il teatro amatoriale di qualità, è quindi per me un grande piacere celebrare la XXV edizione dell’Estate di San Martino. Colgo l’occasione anche per ringraziare il Gruppo Teatrale “Four Red Roses” di Castelfranco, che da anni organizza con passione questa rassegna, insieme al Comune di San Miniato – dichiara l’assessora Bonciolini del Comune di Castelfranco di Sotto -. La passione sì, è questo che caratterizza il teatro amatoriale. Quell’irrefrenabile voglia di salire sul palco, quel desiderio di mettere in scena storie, raccontare, interpretare, dare forma a parole scritte sulla carta. Il teatro amatoriale è l’espressione dell’amore puro per il teatro, quello che va avanti anche senza strutture o particolari risorse economiche, quello delle tournée più rocambolesche, quello che gode anche dei soli applausi di un pubblico che sa apprezzarlo. Una forma di spettacolo che regala, da oltre 25 anni, tante emozioni”.
“L’Estate di San Martino, voluta da pochi appassionati e iniziata quasi come una scommessa, è riuscita a coinvolgere pubblico e critica in maniera sempre crescente, a dimostrare la capacità di riempire spazi culturali e di soddisfare il ‘bisogno di teatro’ che, diversamente, sarebbero rimasti immancabilmente

vuoti – dichiara Pietro Cataldo del Gruppo Teatrale Four Red Roses -. La rassegna nel tempo si è arricchita di iniziative collaterali, si è qualificata per la partecipazione di compagnie provenienti da tutto il territorio nazionale, per la messa in scena di testi vecchi e nuovi che rispondono pienamente ad una forma di spettacolo pensata e voluta da chi ha creduto e crede ancora, maggiormente adesso, nel teatro amatoriale. Grazie al Sindaco Simone Giglioli e all’Assessore
Loredano Arzilli è possibile realizzare, in questo anniversario una mostra che racconti i 25 anni della rassegna attraverso gli iconici manifesti di Dilvo Lotti
e di Luca Macchi. L’imperativo è continuare nel solco tracciato, è non disperdere un patrimonio culturale così importante”.

La mostra resterà aperta fino al 20 novembre 2022 con il seguente orario: venerdì 15.00-18.00, sabato e domenica 9.00-12.00 / 15.00-18.00. Il 1 novembre, in occasione della festività di Ognissanti, la mostra sarà eccezionalmente aperta con orario 9.00-12.00 / 15.00-18.00.
Condividi: