Orari dei servizi comunali nei mesi di luglio e agosto

Si informano gli utenti che, con decreto del Sindaco n. 21 del 28/06/2024, nel periodo 8 luglio – 31 agosto 2024 tutti gli uffici comunali rimangono chiusi il sabato ed osservano principalmente una sola […]

Esplora contenuti correlati

Rete Bibliolandia, questionario on line sui bisogni in-formativi

19 Marzo 2024

La Regione Toscana con il suo Programma regionale Toscana Fse+ 2021-2027 metterà a disposizione della popolazione, attraverso una serie di bandi regionali, oltre un miliardo di euro con l’intento di sostenere l’occupazione e l’occupabilità, costruire una società più inclusiva, promuovere una forza lavoro qualificata e resiliente pronta per la transizione verso un’economia verde e digitale.

In questo quadro la Regione ha attivato le procedure per l’avviso “GIOVANI E ADULTI IN-FORMATI. INTERVENTI DI EDUCAZIONE PERMANENTE NON FORMALE DELLA POPOLAZIONE ADULTA MAGGIORENNE REALIZZATI DALLE RETI DOCUMENTARIE LOCALI (BIBLIOTECHE E ARCHIVI), PER IL TRIENNIO 2024-2026”.

Tra le diverse azioni necessarie alla partecipazione al bando regionale si pone la rilevazione dei bisogni in/formativi, da perseguire attraverso alcuni strumenti tra cui:

Il questionario – che può esse compilato entro l’11 Aprile 20204 – intende raccogliere le preferenze su possibili corsi da attivare nella biblioteca comunale Giovanni Gronchi e nelle altre biblioteche di Rete Bibliolandia.
Per la compilazione è necessario essere maggiorenni.

L’intervento complessivo è volto a “promuovere l’apprendimento permanente della cittadinanza maggiorenne come opportunità di crescita e di benessere al fine di sviluppare il valore individuale e collettivo della conoscenza, del pluralismo, dell’informazione e della comunicazione, ponendo biblioteche e archivi come facilitatori principali della realizzazione dei progetti presentati dagli enti capofila delle 12 Reti documentarie locali con sede in Toscana”.

L’obiettivo è quello di offrire nuovi strumenti democratici per la conoscenza e l’inclusione sociale e aumentare i fruitori dei servizi, coinvolgendo nuovi potenziali utenti, soprattutto tra coloro che sono più esposti al rischio di emarginazione e povertà educativa.