Esplora contenuti correlati

Via dei Presepi a San Miniato, vince la Via Angelica. Guarda tutte le foto

14 Gennaio 2022

La prima edizione de “La via dei presepi” a San Miniato è stata vinta dalla Via Angelica, la location curata dalla Pro Loco che si affaccia su piazza del Popolo. In questo scorcio nascosto ma molto affascinante della Città della Rocca e del tartufo, molti presepisti hanno realizzato i propri presepi, che nel periodo natalizio sono stati visitati e apprezzati da appassionati e non. L’iniziativa è stata realizzata grazie alla collaborazione fra San  Miniato Promozione e Pro Loco, al contributo dei commercianti del locale Ccn , di Clinica Odontoiatrica Dentissimi e di UnipolSai, senza dimenticare il patrocinio del Comune di San Miniato. I presepi in gara erano 27 e dietro la Via Angelica si è classificato quello realizzato dalla Casa famiglia Caritas (al secondo posto) e quello di Palazzo Buonaparte (medaglia di bronzo). Chi voleva poteva votare strappando o ritagliando il tagliandino presente sulla mappa dei prespe,  depositandolo poi nei punti raccolta alla sede della Pro Loco o a quella di San Miniato Promozione.

“E’ stato un successo – spiega il presidente di Fondazione San Miniato Promozione Marzio Gabbanini sia per il numero dei presepisti sia per quanti hanno visitato la Via dei Presepi e hanno votato. Di conseguenza voglio ringraziare tutti quelli che hanno aderito, dalla Pro Loco al Ccn a tutti gli altri. Sicuramente a dicembre prossimo la riproporremo e la miglioreremo, perché si tratta di un modo per portare visitatori a San Miniato e promuovere le bellezze della nostra città”. A vincere – come detto – è stato l’allestimento nella Via Angelica, promosso dalla Pro Loco grazie alla collaborazione di tanti cittadini appassionati di presepi: “Voglio dire grazie – sottolinea la presidente della Pro Loco Nicoletta Corsi a tutti coloro che si sono spesi per realizzare il proprio presepe lungo la Via Angelica e nell’oratorio di Sant’Urbano. E’ stato bello e mi piacerebbe che nella seconda edizione riuscissimo a sfruttare anche la cappella di San Pietro, altra location di prestigio storico-culturale”.  

(Fonte Fondazione San Miniato Promozione)

 

Condividi: