Esplora contenuti correlati

Tutti i numeri dell’attività 2020 del consiglio comunale

21 Gennaio 2021

Il 2020 è stato un anno molto particolare anche per i lavori del Consiglio Comunale di San Miniato. A presentare i dati sull’attività svolta nel 2020 sono il presidente del consiglio comunale Vittorio Gasparri insieme al vice presidente Michele Altini, che hanno illustrato le novità che l’anno appena concluso ha portato con sé. La composizione dell’attuale consiglio è passata da sei a sette gruppi presenti: grazie all’uscita del consigliere Matteo Squicciarini dal comitato Cambiamenti e il suo ingresso Italia Viva, avvenuta il 10 settembre 2020, al momento l’assemblea è composta da tre gruppi di maggioranza (PDUniti si può e Riformisti) e quattro di minoranza (Lega Salvini San MiniatoCambiamenti, Forza Italia e Italia Viva).

I numeri raccontano di un’attività che, nonostante le numerose difficoltà legate all’emergenza sanitaria, non ha ridotto i propri impegni ma anzi ha incrementato il suo lavoro. Nel 2020 il consiglio comunale di San Miniato si è riunito 12 volte (3 in presenza e 9 in modalità mista), cambiando sede per ben quattro volte: prima il Palazzo Comunale, poi la Fondazione Conservatorio Santa Chiara, l’Aula Magna della scuola secondaria di primo grado di San Miniato Basso e infine la Casa Culturale. Due le sedute aperte, mentre tutte le altre sono state trasmesse in diretta streaming poiché le disposizioni anti-Covid non consentivano la presenza di pubblico. Sono stati deliberati 61 argomenti tecnici, 1 ordine del giorno1 domanda di attualità, 16 mozioni (di queste 9 sono state presentate da Cambiamenti, 2 da Forza Italia, 4 da Lega/Forza Italia/Cambiamenti e una relativa alle misure anti Covid sottoscritta da tutti i gruppi)3 interrogazioni e 33 interpellanze, il dato più significativo se si pensa che nel 2019 ne erano state presentate appena 14.

Dati importanti anche quelli che riguardano la collaterale attività delle Commissioni consiliari permanenti che certo non si è fermata: il maggior di riunioni sono quelle della commissione “Finanze, bilancio e programmazione” che si è riunita 19 volte (7 in più dell’anno precedente), 11 volte quella di “Ambiente e territorio” (che si è riunita 7 volte in meno dell’anno scorso), 6 quella delle “Attività Economiche” (+2), 6 per quella “Affari Interni e Istituzionali”, 3 sono state quelle della commissione “Attività Culturali e Educative” e 3 per quella delle “Politiche Sociali” (+1), 7 quella delle “Pari Opportunità”, mentre non si è mai riunita quella di “Controllo e garanzia sui servizi pubblici locali” (-2).

La modalità mista di partecipazione ha permesso di abbattere in maniera significativa il numero di assenze ai 12 consigli e alle 48 sedute consiliari facendo registrare una media altissima: la percentuale complessiva delle presenze alle sedute è del 92%, ben al di sopra di quanto avveniva negli anni precedenti. Con l’introduzione della modalità mista, la percentuale ha raggiunto il 100%.

Due le sedute consiliari aperte del 2020, il 27 gennaio, alla Casa Culturale a San Miniato Basso, in occasione del Giorno della Memoria e il 10 febbraio, al Conservatorio Santa Chiara per la celebrazione del “Giorno del Ricordo”, contro le cinque dell’anno precedente. Ridotte drasticamente le iniziative realizzate all’esterno del Comune. Sono state mantenute ma in forma ridotta e senza pubblico l’anniversario della Liberazione (25 aprile), la Festa della Repubblica (2 giugno), la commemorazione delle vittime della strage del Duomo (22 luglio), la Liberazione di San Miniato (24 luglio), il 76° anniversario della strage di Sant’Anna di Stazzema (12 agosto) e la Festa dell’Unità Nazionale (4 novembre), mentre sono state cancellate la Giornata dell’Unità Nazionale, della Costituzione, dell’inno e della bandiera (17 marzo), la Giornata internazionale per la pace (21 settembre) e la Festa della Toscana (30 novembre).

Per quanto riguarda i costi, il gettone di presenza di ciascun consigliere è 20 euro (lordi) a seduta (lo stesso vale per la presenza alle commissioni consiliari). Il compenso totale stanziato per i consigli comunali del 2020 è 3.340 euro (lordi), mentre quello per la presenza a tutte le commissioni consiliari dell’anno ammonta a 5.940 euro (lordi).

Intanto riparte l’attività 2021 con la pubblicazione del bando relativo alla XV edizione del Premio Consiglio Comunale, per l’anno scolastico 2020/2021, riservato agli Istituti scolastici del territorio (ultimo anno della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado) che quest’anno ha come tema “Dante Alighieri, un riferimento luminoso per ogni tempo – E quindi uscimmo a riveder le stelleSarà possibile presentare la domanda entro le ore 12.30 del 30 aprile. Dopodiché sarà fissata una data per un consiglio comunale aperto durante il quale verranno consegnati i premi divisi per ordine e grado, sulla base dei progetti ritenuti migliori dalla commissione. L’edizione dell’anno scorso, dedicata alla figura di Leonardo Da Vinci, non fu assegnata tramite il concorso, ma i soldi del premio (3mila euro) sono stati equamente donati ai due Istituti Comprensivi cittadini “Sacchetti” e “Buonarroti”.

“L’attività, che ha inevitabilmente risentito dei numerosi Dpcm  del Governo, è comunque stata intensa e impegnativa – dichiara il presidente Vittorio Gasparri -. Il confronto tra i gruppi di maggioranza e opposizione, a volte, è stato serrato e stringente ed è stato possibile gestirla rispettando il regolamento comunale, i tempi della discussione e, soprattutto, con buon senso. In questo modo si è potuto garantire che il consiglio comunale restasse il luogo del confronto delle diverse forze politiche, ognuna con le proprie prerogative e peculiarità, continuando ad essere un’Istituzione democratica per eccellenza – e conclude -. Vorrei ringraziare il sindaco Simone Giglioli, che apprezzo per la sua capacità amministrativa e per la disponibilità che rivolge a tutti cittadini, i consiglieri e gli assessori per l’impegno, la competenza, la disponibilità e l’attenzione che mettono nello svolgimento del lavoro consiliare e tutti gli uffici comunali che rendono possibile lo svolgimento delle sedute”.

Il presidente ha infine rivolto un commosso ricordo dell’assessore Gianluca Bertini, scomparso a causa del Covid, l’11 dicembre scorso, a soli 55 anni. “Voglio rivolgere un pensiero affettuoso all’assessore Gianluca Bertini – dichiara ancora Gasparri -. L’ho voluto ricordare e onorare con l’osservanza di un minuto di silenzio nel consiglio del 30 dicembre scorso. E’ stata la prima seduta che si è svolto senza di lui. Per la moglie, le figlie, i familiari e tutti gli amici, la morte di Gianluca ha lasciato un vuoto enorme, difficile superare e colmare. A tutti noi del Comune di San Miniato manca il suo lavoro prezioso, preciso e puntuale; per noi era ben più di un amministratore, era un vero amico, uno di famiglia. Il rapporto che era riuscito ad avere con gli amministratori, i dirigenti, i collaboratori e i dipendenti comunali era esemplare ed importante, per questo manca a tutti e, in modo particolare al sindaco, che lo volle al suo fianco per la sua onestà, esperienza e competenza”.

Condividi: