Esplora contenuti correlati

Rocca Federiciana

Tra il 1217 e il 1223, sulla sommità del colle di San Miniato, a completamento del complesso fortificato, Federico II fece costruire una torre, diventata nel corso dei secoli simbolo della città.

Adibita anche a luogo di detenzione per prigionieri politici, la Rocca mantenne la funzione di fortezza fino al 1530, quando fu abbandonata, mentre il terreno circostante fu acquistato dal naturalista Michele Mercati, archiatra pontificio, che vi edificò la propria residenza. Minata e completamente abbattuta dai Tedeschi nell´estate del 1944, è stata fedelmente ricostruita nel 1958. La torre era alta circa 37 metri e si concludeva con un coronamento di colonne cilindriche di mattoni, sull´esempio dei pinnacoli dei campanili siciliani.

Queste caratteristiche, insieme agli archetti ciechi ogivali, hanno fatto pensare all´intervento diretto di maestranze siciliane nella costruzione della torre. Dalla sua sommità è godibile uno straordinario panorama che va dai tetti e dalle chiese di San Miniato fino al Valdarno, alle colline volterrane, agli Appennini, al mare.


Sito web – Rocca Federiciana


Condividi: