Esplora contenuti correlati

Inumazione in Campo comune

L’inumazione è la sepoltura del feretro, in cassa di legno, a diretto contatto con la terra.
Il posto viene assegnato in successione fila per fila procedendo senza soluzione di continuità.
La durata della sepoltura è di 10 anni, alla scadenza non può essere rinnovata ed è soggetta al pagamento di una tariffa (comprensiva della esumazione al termine dei dieci anni) differenziata tra residenti e non residenti.

Sulle fosse è consentita l’installazione di un cippo identificativo, secondo le indicazioni previste dall’art.10 del Regolamento comunale dei Servizi cimiteriali.

Alla scadenza si provvede all’esumazione e alla raccolta dei resti ossei, che potranno essere sistemati in idonea cassettina di zinco o collocati nell’ossario comune; qualora alla scadenza la salma non risulti mineralizzata, si potrà procedere alla cremazione dei resti mortali o al riseppellimento in altra fossa nel cimitero per un periodo minimo di due anni.

L’inumazione deve essere assicurata dal Comune per le salme di cui all’art. 3 del Regolamento comunale dei Servizi cimiteriali.

Condividi: