Esplora contenuti correlati

Dispersione delle ceneri

La domanda, corredata da tutti i documenti e gli atti comprovanti la volontà del defunto, deve essere indirizzata al Sindaco del Comune del luogo di decesso o, a seconda dei casi, al Sindaco del Comune ove sono già tumulate le ceneri:

Forme di volontà espressa in vita dal defunto

La volontà del defunto di disperdere le proprie ceneri deve chiaramente ed inequivocabilmente emergere da:

  • disposizione testamentaria;
  • dichiarazione autografa (da pubblicarsi come testamento olografo art. 620 c.c.);
  • dichiarazione resa e sottoscritta nell’ambito dell’iscrizione ad associazione legalmente riconosciuta che abbia tra i propri fini quello della cremazione dei cadaveri;


Luoghi dove disperdere le ceneri

Nell’ambito del territorio comunale è possibile disperdere le ceneri nei seguenti luoghi:

  • area cimiteriale appositamente individuata;
  • area privata, aperta e con il consenso del proprietario (è vietata la dispersione nei centri abitati);
  • in natura (nei tratti liberi da natanti e manufatti): lago o fiume.


Persona autorizzata alla dispersione

Persona indicata per volontà del defunto oppure in mancanza:

  • coniuge
  • figli
  • altri familiari aventi diritto
  • esecutore testamentario
  • legale rappresentante di associazione per la cremazione a cui il defunto era iscritto
  • personale appositamente autorizzato dal comune che esercita l’attività funebre
Condividi: