Esplora contenuti correlati

Pacchetto scuola, al via il bando per il diritto allo studio nei Comuni del Valdarno Inferiore

19 Aprile 2019

Ecco le modalità per presentare la domanda

Un sostegno concreto per le famiglie in condizioni economiche svantaggiate che sostenga il diritto allo studio dei figli e ne promuova l’accesso e il completamento del percorso scolastico. Arriva anche nei Comuni della Zona del Valdarno Inferiore l’incentivo individuale “Pacchetto scuola 2019/2020”. La conferenza educativa zonale ha adottato criteri e tempistiche comuni per fornire informazioni semplici, uniformi e chiare. Il bando, finanziato con fondi regionali e statali, mette a disposizione degli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado un contributo economico (che va da 180 euro a 300 euro) per agevolare l’acquisto di libri di testo, materiale didattico e servizi scolastici.
Possono partecipare gli studenti e le studentesse residenti in Toscana iscritti ad una scuola secondaria di primo o secondo grado, statale, paritaria privata o degli Enti locali e iscritti ad un percorso di Istruzione e Formazione Professionale, in una scuola secondaria di secondo grado o una agenzia formativa accreditata.
Tutti i documenti e le informazioni sono disponibili agli sportelli URP (Ufficio relaziono con il pubblico) oppure sui siti dei Comuni di San Miniato, Santa Croce sull’Arno, Castelfranco di Sotto e Montopoli Valdarno. La domanda di ammissione al contributo, diretta al Comune di residenza dello studente, potrà essere presentata fino al 21 maggio 2019. I principali requisiti sono l’indicatore ISEE non superiore ai 15.748,78 euro, e l’età inferiore a 20 anni.
Il contributo può essere utilizzato per l’acquisto libri di testo, l’acquisto di altro materiale didattico e i servizi scolastici. Il beneficiario non è tenuto a produrre documentazione di spesa, ma a conservarla per esibirla in caso di eventuali controlli. La graduatoria degli ammessi al “Pacchetto scuola” sarà pubblicata sull’Albo Pretorio e sul sito istituzionale dei Comuni il 2 luglio 2019.

 

Condividi: