Esplora contenuti correlati

Approvato il bilancio di previsione 2020. Circa 7 milioni di investimenti programmati

30 Dicembre 2019

Giglioli: “No all’aumento della pressione fiscale e servizi essenziali garantiti, ecco le priorità”

Via libera dal consiglio comunale (nella seduta del 27 dicembre) al bilancio di previsione 2020 con 10 voti favorevoli, 5 contrari e nessun astenuto. “Anche per l’anno 2020 il Comune di San Miniato, pur in presenza di minori risorse iniziali, conferma l’erogazione dei servizi essenziali senza aumentare le tariffe, confermando tutte le agevolazioni e riduzioni previste”. L’assessore al bilancio Gianluca Bertini ha illustrato nel dettaglio il bilancio di previsione 2020, a pochi giorni dall’approvazione della manovra di Governo, in un momento in cui si registrano minori entrate correnti. “Le priorità di questa amministrazione sono la destinazione delle risorse necessarie al mantenimento dei servizi educativi, scolastici e sociali, oltre agli investimenti in nuove strutture scolastiche, agli interventi di sicurezza, alla nuova viabilità e alla manutenzione straordinaria – precisa l’assessore -. Restano invariate le tariffe sui servizi a domanda individuale, la Tasi e l’addizionale Irpef, mentre per l’Imu sono state confermate tutte le aliquote ad eccezione delle seconde abitazioni locate a canone non concordato (10,6 per mille) e delle aree edificabili (9,6 per mille)”. Per quanto riguarda la TARI le tariffe verranno approvate entro il 30 aprile 2020. “L’intenzione della nostra amministrazione è comunque quella di confermare tutte le riduzioni e agevolazioni – spiega ancora Bertini – per cercare così di dare un’ulteriore spinta ad un servizio che ha già raggiunto la soglia dell’80% di raccolta differenziata su tutto il territorio comunale”.

“La parte corrente del bilancio (23.036.157 euro) non prevede l’applicazione dell’imposta di scopo, della tassa di soggiorno e l’accensione di nuovi mutui; le principali voci di spesa restano quelle destinate a servizi scolastici, sociali, trasporti, manutenzioni e utenze – precisa ancora l’assessore Bertini -: sui servizi a domanda individuale 1,8 milioni di euro (52%) sono destinati a saldare la percentuale non coperta da tariffa e quindi a carico dell’Ente. E’ stata inoltre confermata a 10.500 euro la fascia di esenzione per quanto riguarda l’addizionale Irpef, ed elevata a 11.500 euro quella per redditi derivanti da lavoro dipendente e da pensione”.

Vi sono poi circa 7 milioni di euro destinati a spese di investimenti sul territorio, oltre alle manutenzioni straordinarie (cimiteri, strade, scuole, impianti sportivi, verde, edifici e illuminazione). “Cimiteri, strade, scuole, edifici, impianti sportivi, verde pubblico e illuminazione sono le principali voci alle quali è destinato il piano triennale delle opere pubbliche che, per il 2020, vede a disposizione per le manutenzioni straordinarie ben 640mila euro – spiega l’assessore ai lavori pubblici e all’ambiente Marzia Fattori -. Nel 2020 verranno spesi complessivamente 1,65 milioni di euro destinati alla realizzazione della nuova tensostruttura sportiva (360mila euro), alla riqualificazione della pista di atletica di Fontevivo (150mila euro), alla sistemazione della frana a Baccanella (413mila euro), alla progettazione del nuovo ponte di Isola (100mila euro), all’ampliamento del cimitero di Roffia (100mila euro), alla messa in sicurezza di strade e piste ciclabili (300mila euro). Per tutti questi interventi si fa riferimento a risorse comunali come per la sistemazione della frana a Baccanella (413mila euro), anche se solo in parte, mentre per la scuola di Ponte a Elsa (3,1 milioni di euro) si tratta di finanziamenti provenienti da Enti sovracomunali”. Rimangono gli impegni dell’amministrazione per il recupero delle concerie dismesse, la scelta della localizzazione del Liceo e la realizzazione della Casa della Salute. “Si tratta di interventi su Ponte a Egola, necessari a valorizzare il territorio e superare alcune difficoltà – spiega il sindaco di San Miniato Simone Giglioli -, basti pensare al recupero del distributore dismesso in via Diaz da destinarsi ad area a parcheggio e al rifacimento di via Maremmana, impegno di campagna elettorale, ma soprattutto intervento fondamentale per la principale arteria di collegamento tra la Valdegola e Ponte a Egola”. Il totale del bilancio di previsione 2020 è di 35.423.436 euro.

“Siamo tra i pochi Comuni che hanno approvato il bilancio di previsione entro l’anno in corso, come previsto dalla legge, una scelta che ci consente di andare a programmare su base pluriennale anziché annuale – spiega ancora il sindaco -. Per il 2020 non abbiamo previsto di accendere nuovi mutui e abbiamo evitato di applicare l’imposta di scopo e la tassa di soggiorno, scelte che raccontano le intenzioni che stanno alla base della mia amministrazione. Si tratta di un bilancio di previsione solido ed importante che, per definizione, può ovviamente essere soggetto a variazioni durante il corso dell’anno. Sono molto soddisfatto di averlo approvato entro la fine del 2019 e di non aver aumentato la pressione fiscale, elevando l’importo della fascia di esenzione dell’addizionale Irpef per lavoratori dipendenti e pensionati, oltre ad aver garantito la copertura e l’erogazione dei servizi essenziali, e ad aver presentato un piano triennale delle opere pubbliche che tenga conto delle vere priorità del territorio”.

Condividi: